Ti sarà inviata una password per E-mail

Vidi Aquam
release their New EP titled
Oberland
out on November 29th, 2018

—————-

... about

Dopo 5 anni dal precedente album “Fog Vision”, i Vidi Aquam tornano con il nuovo Mini CD “Oberland”.
Il lavoro è un concept dedicato a Berlino, metropoli che vive sul mito del proprio passato, ma che in realtà sta morendo a causa della ‘gentrificazione’ provocata da un turismo globalizzato di massa e dal movimento Hipster, il quale, a causa di un atteggiamento finto artistico, ha provocato l’innalzamento degli affitti denaturalizzando interi quartieri, quelli che un tempo esprimevano la vera e affascinante anima della città.
Il nuovo mini album uscirà a fine novembre 2018 per la label “Rosa Selvaggia”, in edizione limitata a 300 copie, e conterrà 5 brani dalle sonorità dark wave e postpunk, ma stilisticamente molto eterogenei come è consuetudine in tutti i lavori dei Vidi Aquam.
Il mastering è stato realizzato da Andrea Marutti, artefice di svariati progetti come Amon, Lips Vago, Never Known, nonché titolare della label Afe Records.

“Oberland”

by    

[November 29, 2018]

Genre:
batcave, coldwave, dark wave, death rock, new wave, post punk

Base: Milan, Italy

Rosa Selvaggia Label

 

track by track

GENTRIFICATION
Dalla caduta del Muro in poi Berlino è sempre stata un cantiere aperto. Già dopo la seconda guerra mondiale la città era stata poco per volta ricostruita, raggiungendo negli anni successivi il massimo splendore e acquistando un grande fascino, purtroppo però ad un certo punto è arrivata la speculazione edilizia.
L’avvento di questa ha snaturato Berlino, distruggendone l’essenza ed eliminando spazi vitali che caratterizzavano l’anima della città. Uno di questi, citato nel brano, era il Tacheles, un cantiere artistico che dal 2012 ha smesso di vivere.
Interi quartieri storicamente popolari sono diventati solo per ricchi, ma per fortuna c’è ancora chi combatte questa “Gentrificazione” e il brano vuole essere un inno per tutti coloro che ancora credono nello spirito autentico della ‘vecchia Berlino’, affinché non gettino via le armi e continuino a lottare per resistere.

OBERLAND
Si può credere in un sogno e scappare fisicamente da una situazione che sembra opprimente, ma alla fine le radici ti riportano sempre alla realtà. Guardare fuori dalla finestra l’albero che ti tiene compagnia e che con il cambiare delle sue foglie ti scandisce le stagioni, rendersi conto del tempo che passa inesorabilmente lontano da tutto e da tutti, la malinconia, la nostalgia verso un mondo che si credeva nemico, ti cambiano. Si riflette sulle scelte fatte e più maturi di prima si riaffronta la realtà e si ritorna dove un tempo si pensava fosse tutto nero.

SPIELSTADT
Berlino è diventata un enorme Paese dei Balocchi proprio come quello della favola di Pinocchio.

Orde di ragazzi annoiati, pseudo artisti e modaioli in cerca del “viaggio” iniziatico invadono le serate techno berlinesi come i bimbi descritti da Collodi che accorrevano emozionati nel paese dei Balocchi. Se in Pinocchio i bambini diventavano asinelli qui la situazione non è tanto diversa. Certo, non spuntano a nessuno code e orecchie lunghe, ma tutti si annullano, schiavi di droga e alcool, diventando ognuno la copia dell’altro.

BREATHLESS
Il brano è dedicato alla ‘vecchia Berlino’, quella che si percepisce negli occhi della gente dall’animo ferito e che non ha ancora dimenticato le sofferenze della guerra. Fabbriche abbandonate, palazzi che portano i segni degli spari e dei bombardamenti e sguardi tristi … per fortuna tutto questo è solo l’ombra di un passato che non ritornerà più.

BORDERLINE
La metropolitana di Berlino è un luogo molto surreale dove si possono incontrare ad ogni ora del giorno e della notte creature che vivono ai limiti della realtà.
Si incontrano homeless che vendono giornali, altri che raccolgono bottiglie ed altri ancora che affogano i loro dispiaceri nell’alcool e dormono tra una fermata e l’altra, non curanti del clima che spesso causa loro la morte. Poi si incontra la droga. Ragazzi, soprattutto giovanissimi , che vivono per strada e cercano di raccogliere qualche moneta per farsi la dose della giornata. E poi ci sono i sopravvissuti delle notti estreme della Berlino dello sballo, che vagano “senza vita”. Tutte persone che vivono ‘borderline’, l’unica differenza è che alcune di queste ne sono costrette mentre altre lo hanno scelto.

—————-

La line-up, rimasta solidamente invariata a distanza di anni, è composta da:

Nikita (voce, testi, synth e programming)
Fabio Degiorgi (basso e programming)
Daniele Viola (chitarra e programming)

 

“Gentrification”

Contact
 

vidiaquam@rosaselvaggia.com

 

—————-

error: Content is protected !!